Vino bianco liguria

La Liguria ha un ottima posizione geografica e un clima mite favorevole che le permette una buona produzione vitivinicola. Un altro elemento incentivante è la presenza del mare che va a vantaggio della coltura del vino e del suo commercio.

Vi sono due aree significative per la qualita' della produzione: la zona intorno a La spezia, le conosciutissime cinque Terre, e la riviera di Ponente.

I vini liguri piu' conosciuti sono, nel Levante, il Cinque Terre ed il famossissimo Sciacchetrà, oramai rarissimo, mentre nel Ponente i piu' famosi e rinomati vini sono il Rossese di Dolceacqua, il Rossese della Riviera di ponente e l' Ormeasco, per i rossi, il Vermentino, il Pigato ed il Lumassina (o Mataòssu), per i bianchi.

La produzione vi5tivinicola non è molto vasta a livello quantitativo, perché i vigneti sono disposti sulle tipiche “fasce” a terrazze sostenute dai caratteristici muretti in pietra che dalla collina scendono verso il mare.

Per quanto possa essere un’immagine suggestiva e tipica, ... continua


Articoli su : Vino bianco liguria


Gli spettacolari terrazzamenti delle Cinque Terre
Cinque Terre e il Cinque Terre Sciacchetrá
Le Cinque Terre sono oltre che una rinomata zona turistica anche un'area vinicola posta su un frastagliato tratto di costa della riviera ligure di Levante in provincia di la Spezia, dove si trovano i ... vai alla pagina Cinque Terre e il Cinque Terre Sciacchetrá
Uno scorcio della costa
Colli di Luni
Il Colli di Luni è un vino prodotto sulle colline terrazzate del Golfo di La Spezia, sconfinando per una piccolissima parte anche nella vicina provincia di Massa Carrara. Qui l'uomo ha “addomesticato ... vai alla pagina Colli di Luni
Lo spettacolo delle Cinque Terre
Colline di Levanto
Il Colline di Levanto si produce in una ristretta area in provincia di La Spezia arroccata sulle ripide colline terrazzate dall'uomo che si trovano a 50 chilometri a nord del capoluogo, dove i vitigni ... vai alla pagina Colline di Levanto
I colori del vino
Golfo del Tigullio
La produzione di questo vino comprende una vasta area della provincia di Genova, dove il territorio è impostato su terreni appartenenti alle alle successioni sedimentarie oligoceniche del Bacino Terz ... vai alla pagina Golfo del Tigullio
Il Vermentino ligure
Principali bianchi DOC della Liguria
La Liguria è una terra aspra dove l'uomo ha dovuto combattere nei secoli per strappare alla montagna le terre coltivabili. Dal punto di vista vinicolo è riuscito ad ottenere dei vini particolari, graz ... vai alla pagina Principali bianchi DOC della Liguria
Riviera di ponente, entroterra
Riviera Ligure di Ponente
L'area vinicola del Riviera Ligure di Ponente comprende una vasta area delle provincie di Savona e Imperia che sconfina anche in due comuni del Genovese. La geologia del territorio è quindi molto var ... vai alla pagina Riviera Ligure di Ponente
Il panorama della valle
Val Polcevera
Il vino Val Polcevera era conosciuto già un secolo prima della nascita di Cristo, quando fu menzionato nella Tavola Bronzea, un importantissimo libro di regolamenti di Genova, dove veniva riconosciuto ... vai alla pagina Val Polcevera
prosegui ... , questa posizione dei vigneti rende alquanto difficile la raccolta dell’uva.

I due vitigni autoctoni più coltivati sono il vermentino ed il pigato. Tra i vini DOC ritroviamo: il Cinque Terre, un vino formato da con le uve di Bosco (minimo 40%), con quelle di Albarola e/o Vermentino (massimo 40%) e con quelle di altri vitigni autorizzati e/o raccomandati nella zona; il Colli di Luni, di cui in provincia di Massa, si producono tre tipi di vino:Bianco,Rosso,Vermentino;

Colline di Levanto, Golfo di Tigullio, Riviera Ligure di Ponente, Rossese di Dolceacqua, Val Polcevera, Colline Savonesi

Tra i vini più celebri e anche pregiati della Liguria si possono nominare: il Pigato della Riviera di Ponente, il Vermentino e il Mataossu.

Il Vermentino è il vino ligure più conosciuto. Tra le sue caratteristiche vanta un colore giallo paglierino, abbastanza persistente, con dei profumi intensi di fiori di campo ed erbacei e con una nota di pesca gialla;sapore secco, deciso ma delicato e morbido nello stesso tempo, di buona freschezza e sapidita', a volte un pochino caldo ma, comunque, di corpo. La sua produzione avviene a Imperia e Savona.

Si sposa bene con polipo con le patate, lisca di pesce al forno, branzino, orata, antipasti di mare, e con piatti tipici della tradizione italiana.

Va servito ad una temperatura pari a 10-11° C.

Abbiamo anche il Mataossu, un vino color giallo paglierino, con sapori fragranti e leggeri di fiori bianchi di campo. Il sapore si presenta intenso e persistente, di buona morbidezza e sapidita', abbastanza equilibrato, con una leggera nota asprigna. Si sposa bene con branzino, o spigola, alla ligure o con la frittura di paranza del golfo savonese.

Va servito fresco, ad una temperatura pari a 10-11° C, e va degustato nei suoi primi due anni di vita.

Altro vino celebre è il Pigato della Riviera di Ponente, prodotto con uve Pigato in purezza. Ha n colore paglierino molto sbiadito che dopo un anno di conservazione tende ad avere un minimo di dorato. Il suo odore è fruttato, persistente ed abbastanza intenso, grazie al profumo di pesca e miele, Ha un sapore secco, morbido ed abbastanza caldo, persistente al gusto e di buona sapidita'. Si sposa bene con i piatti tipici della Liguria e con ravioli di magro con condimento di burro e salvia, branzino al forno.

Infine parliamo del Cinque Terre, un vino prodotto con le uve di Bosco (minimo 40%), con quelle di Albarola e/o Vermentino (massimo 40%) e con quelle di altri vitigni autorizzati e/o raccomandati nella zona. Ha un colore giallo paglierino,con profumo intenso, netto, fine e persistente. Il suo sapore è secco, gradevole, sapido, caratteristico. Ha una gradazione minima pari a 11°. Il Cinque Terre si abbina perfettamente con pietanze a base di pesce,

Con le stesse uve sottoposte a parziale appassimento in locali ventilati e vinificate dopo il 1° novembre dell’anno della vendemmia, si ottiene il tipo "Sciacchetrà", dal colore giallo dorato, con riflessi ambra. Ha un profumo di miele, piacevole; sapore da dolce a abboccato, armonico, di buona struttura e di buon corpo, piacevole e lungo in bocca con retrogusto mandorlato, gradevole. Ha una gradazione minima pari a 17°.