Pollo al vino bianco

Il pollo

Per pollo si intende sia il maschio, che la femmina della specie Gallus Domesticus, l'uccello da cortile che fu tra i primi ad essere addomesticati dall'uomo. La differenza evidente tra maschio e femmina è nelle dimensioni, che vedono la femmina più piccola, e nel piumaggio, che nel maschio è più vivace, perché, come in quasi tutti gli animali, deve attrarre le femmine durante il corteggiamento. Inoltre il maschio è riconoscibile anche dagli speroni sulle zampe, che servono a ferire durante i feroci combattimenti che caratterizzano questa specie, i propri rivali. Negli allevamenti infatti si tengono sempre separati i maschi, capaci di lottare fino alla morte del proprio avversario.

Proveniente dall'Asia, si diffuse in Europa grazie ai Greci e agli Egizi. È stato sempre uno degli alimenti principali per l'uomo, che ne ha sfruttato la carne saporita e la grande produzione di uova.

Come animale è onnivoro, e se messo in dura cattività, come in gabbie sovraffollate e strette, può aggredire i suoi simili per nutrimento. In genere comunque, soprattutto dopo millenni di domesticazione, la specie è granivora e razzolatrice.

La gallina e il gallo di oggi sono l'evoluzione di moltissimi secoli di evoluzione e intervento antropologico, quindi le specie sono moltissime, e soprattutto locali. Si potrebbe sare una sommaria separazione in tre categorie: razze omeosome, razze eterosome e razze intermedie.

Le prime sono le più precoci e feconde, producono uova con i gusci dal classico colore bianco e pulcini che si sviluppano velocemente. Le seconde si sviluppano lentamente e non sono molto feconde. Producono le uova con il colore rossastro. Nelle razze intermedie invece, ottenute incrociando le due precedenti, gli animali si sviluppano lentamente, producendo moltissime uova, che consumiamo tutti i giorni dal classico colore rossastro.

Quando compriamo un pollo comunque possiamo trovarci di fronte ad entrambi i sessi e a tutte e tre le razze, anche se la intermedia è abbastanza comune nell'industria alimentare di largo consumo.

La carne del pollo è anche nettamente migliore della rossa in quanto non apporta grandi dosi di colesterolo, come il manzo. Quindi la si può mangiare molto più spesso di quella rossa, in genere suggerita per un massimo di 100 grammi a settimana dalla maggior parte dei dietologi.

Con la carne bianca invece si è molto più liberi dalle tossine e dai problemi circolatori che la carne rossa presenta nel tempo.

Pollo al vino bianco

TME SOLO Termometro Ultrapido Sonda ad Ago Pieghevole, Gamma Professionale, Bianco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 76,86€


La ricetta più semplice

pollo al vino e patateIn genere il pollo è molto semplice da cucinare e non ha bisogno di particolari spezie essendo una carne già molto saporita.

La ricetta più semplice nel mettere il pollo direttamente in una teglia con dell'aglio, dell'olio, del rosmarino, del sale e del pepe nero e farlo cuocere a 180°C per 40 o 50 minuti a seconda della grandezza.

Se volete fare un pollo al vino bianco molto semplicemente vi basterà utilizzare una casseruola profonda e riempirla anche di vino bianco fino a coprire il pollo. Chiudendo con un foglio di alluminio fate cuocere finché il vino non evapora del tutto. Otterrete una carne morbida, usando l'accortezza di utilizzare un vino a bassa acidità. Il tempo di cottura sarà di circa 1 ora.


  • Biscotti al vino La tradizione culinaria italiana affonda le sue radici in un passato molto remoto, fatto di piccoli focolai, di gente semplice ma al tempo stesso ricca di conoscenze e di fatica, che hanno creato una ...
  • le spezie per il brasato Prima di vedere alcune ricette ricapitoliamo le poche procedure generali da eseguire per cucinare il brasato.La marinatura deve durare almeno 12 ore.La carne deve essere cucinata in un unico pezzo...
  • filetto al vino rosso Iniziamo sulle solite raccomandazioni per quel che riguarda il vino.Come già ripetuto è molto importante scegliere un vino con la più bassa acidità possibile, per non indurire la vostra carne durant...
  • pasta al vino rosso Vediamo ora qualche ricetta al vino rosso che prevede come ingrediente base la pasta, l'alimento più amato dagli italiani, che certamente non mancheranno di voler provare anche delle ricette al vino r...

Seni fitti ragazza bianca pieno Gel di silice Seno biancheria intima 100% sostanze non tossiche del silicone medico , S , cover

Prezzo: in offerta su Amazon a: 118,2€


Petti di pollo al vino bianco

Anche questa è una ricetta semplice, e veloce da preparare e leggermente diversa dalla precedente.

Per 4 persone preparate:

500 grammi di petto di pollo

80 grammi di burro

una manciata di pan grattato

½ bicchiere di vino bianco a bassa acidità

del prezzemolo tritato

sale

succo di un limone

Fate sciogliere 40 grammi burro in un tegame o una padella profonda e quindi ponete i petti di pollo a dorare per un paio di minuti a fiamma viva e iniziate a sfumare il vino con dell'acqua calda se necessario. Poi abbassate la fiamma e aggiungete il pan grattato. La cottura è di 20 minuti. 3 minuti prima di finire di cuocere aggiungete il prezzemolo, gli altri 40 grammi di burro e il succo di limone, quindi impiattate e servite con il sugo del fondo.


Pollo al vino bianco e zafferano

Restiamo sempre sul semplice ma per cucinare qualcosa di particolare. Per 4 persone preparate:

400 grammi di petti di pollo

una bustina di zafferano

½ bicchiere di vino bianco a bassa acidità

buccia di mezzo limone

una noce di burro

farina

1 cipolla piccola

sale

pepe nero

Infarinate bene il pollo e mettete a scaldare in una padella il burro. Nel frattempo sciogliete lo zafferano nel vino che poi userete.

Sciolto il burro fate dorare prima la cipolla e poi mette il pollo a fiamma alta per farlo rosolare un paio di minuti. Quindi aggiungete il vino con lo zafferano e fate sfumare. Abbassate quindi la fiamma aggiungendo la scorza di limone, il sale ed il pepe. Fate attenzione a non far asciugare la cremina che si forma sul fondo con cui condirete il pollo. Se volete accompagnarlo con qualcosa di più sostanzioso potrete raddoppiare le dosi degli ingredienti per la cremina e prepararne il doppio. Nel frattempo potrete cuocere del riso a parte con poca acqua. Una volta al dente scolatelo e con uno stampino create una specie di torretta nel piatto. Versate quindi sul riso un po di cremina e decorate con un ciuffo di prezzemolo.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO