Lessona

Il Lessona e le sue Zone di Produzione

Il Lessona è un vino rosso che ha ottenuto il titolo di riconoscimento di Denominazione di Origine Controllata, meglio conosciuto con l’acronimo D.O.C. Questo vino viene prodotto nella zona di Lessona, situata nella provincia di Vercelli. Questa fascia geografica, per consentire la produzione di questo vino, deve corrispondere a determinate caratteristiche, col fine di favorire una buona riuscita del prodotto in questione. Innanzitutto, fattore essenziale deve essere la presenza dei vitigni da cui si ricava il Lessona: Il Nebbiolo, il cui impiego va dall’85 al 100%, Vespolina e Uva Rara fino al 15%; in secondo luogo, il territorio deve essere argilloso, sabbioso e limoso ed è necessario che sia garantita una giusta esposizione ai raggi solari per poter ottenere una buona maturazione delle uve che verranno utilizzate per la produzione del Lessona.

Lessona Ninja Pumpking Game

Prezzo: in offerta su Amazon a: 0€


Il Lessona e le sue Caratteristiche Organolettiche

Il Lessona, vino piemontese che ha ottenuto il titolo di riconoscimento di Denominazione di Origine Controllata, è un vino che nella penisola italiana è molto famoso ed è considerato molto interessante. Il Lessona può vantare tra le sue caratteristiche organolettiche la presenza di un colore rosso che tende al granato, con l’invecchiamento tende addirittura alle sfumature arancioni. Il suo profumo è molto fine e la sua fragranza ricorda molto l’essenza della viola. Il sapore del Lessona è decisamente asciutto, tannico ma in modo moderato e quindi si può degustare la sua gradevolezza e, infine, è un vino molto piacevole che si lascia bere tranquillamente. Il Lessona, per rispondere al meglio alle qualità richieste da un esperto di vino e per poter esprimere al meglio le proprie peculiarietà, deve essere sottoposto, obbligatoriamente, ad almeno 2 anni di invecchiamento, di cui uno deve trascorrerlo in botti di rovere. Ancor meglio se viene consumato dopo un periodo lungo tre anni, ma può raggiungere anche i dieci. Il Lessona ha una gradazione alcoolica pari a 12% vol. e va servito ad una temperatura pari a 18-20°C. Questo vino rosso piemontese D.O.C va accompagnato da pietanze quali risotti con le salamelle, brasati, stracotti, bolliti, cacciagione allo spiedo e formaggi a pasta dura

  • http://www.vinook.it/vitigni-rossi_N1.jpg I vini rossi superiori, con un appropriato invecchiamento aumentano la qualità del loro sapore. Questi sono vini molto corposi la cui gradazione alcoolica è pari ai 12% vol e li si ottengono da viti...
  • http://coccaglioolioepeperoncino.files.wordpress.com/2010/09/franciacorta_festival.jpg La franciacorta è l’unica zona vitivinicola italiana che produce uno spumante D.O.C. . E’ una regione che si trova in provincia di Brescia, circondata dalle sponde del lago d’Iseo, e dai fiumi Oglio e...
  • vino rosso Il vino rosso è un ingrediente molto usato in cucina. Le ricette che lo vedono protagonista sono spesso a base di carne come il brasato, spezzatini e non solo. Esistono, però, anche dei primi e dei do...
  • come versare il vino Servire il vino è qualcosa di molto speciale che non può essere sottovalutato, possiede delle regole da rispettare sia per quanto attiene il galateo sia per quanto riguarda le diverse caratteristiche ...

Viaggio di un naturalista intorno al mondo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13€


L’azienda vinicola Sperino e la sua ricerca dell’equilibrio

L’azienda vinicola Sperino è gestita da una conduzione familiare e caratterizzata dalla passione di questi per la viticoltura, che portano avanti nel massimo rispetto per la natura circostante e per la tradizione del luogo, facendo in modo di non danneggiare la qualità del prodotto interessato. L’aziena Sperino è in possesso di circa otto ettari di terreno adibito a viticoltura ed è situato vicino al Monte Rosa. I vitigni interessati sono: Belvedere, Ormeggio, Castagnola, Rava e Covà. La passione delle persone che lavorano in questa azienda è tale da considerarlo come un gesto quasi vitale: l’attesa della maturazione, la giusta esposizione ai raggi solari, la buona conservazione del vino, sono tutte azioni assolutamente indispensabili per la riuscita del loro lavoro senza andare a danno della qualità. Non viene utilizzato alcun concime chimico e il lavoro è quasi tutto manuale.

Per quanto riguarda la vendemmia avvengono più passaggi con una lavorazione manuale in modo tale da poter assicurare un utilizzo di uve che più si adattano ad ogni vino che viene prodotto.

La vinificazione e la fermentazione del vino avviene in tini di legno bassi e larghi, completamente aperti, mentre l’affinamento viene svolto in botti grandi e tonneaux.

Tra i vini prodotti nell’azienda vinicola Sperino possiamo elencare: L’Uvaggio, Il Lessona D.O.C., il Rosa del Rosa e la Grappa di Lessona


La Tenuta Sella, la vera valorizzazione dei terreni

L’azienda vinicola la Tenuta Sella è una delle aziende più antiche che non hanno mai cambiato il proprietario che si occupava della loro gestione. La Tenuta Sella è in possesso di circa ventidue ettari di terreni adibiti a vitivinicoltura. I vigneti coltivati sono: il Nebbiolo, il Vespolino, il Croatina e l’Erbaluce. Oggi cerchiamo di rappresentare una zona d'eccellenza qual è l'Alto Piemonte rispettando la nostra storia e la nostra tradizione. Questi vitigni impiegato per la produzione di circa novantamila bottiglie all’anno, sono vitigni tipici della regione del Piemonte e vengono coltivati seguendo una metodologia assolutamente classica. L’azienda Sella è divisa in due siti molto importanti: da una parte abbiamo la Tenuta di Lessona, provvista di terreni composti da sabbie marine e pH acido; e dall’altra abbiamo, invece, la Tenuta di Bramaterra che è in possesso di un suolo adibito a coltivazione decisamente più recente, formato da porfidi vulcanici, a pH sub-acido e molto ricchi di minerali. La vendemmia viene adoperata manualmente e Le fermentazioni avvengono per la gamma classica in acciaio inox, e per le riserve in tini di legno e la fermentazione avviene in acciaio inox, e per quanto riguarda le riserve in tini di legno. L’azienda preferisce evitare l’impiego di mezzi della cantina e insiste sulla valorizzazione dei terreni.




COMMENTI SULL' ARTICOLO