Barbera d'Asti

Il Barbera d’Asti: il suo habitat e le sue zone di produzione

Il Barbera d’Asti, famosissimo vino rosso della regione piemontese, viene prodotto in moltissime province della regione, oltre che in Liguria e in Emilia Romagna.

Il Barbera più conosciuto è l’astigiano, coltivato fuori dalle zone di produzione. La sua fama la si deve alla determinazione di alcuni produttori, i quali con il loro duro lavoro hanno consentito un netto miglioramento dei vigneti anche con l’utilizzo di nuove tecniche più specifiche, ovvero l’utilizzo di vasi vinari come la barriques, che sono piccole botti di rovere di 225 litri. Successivamente, anche altri produttori iniziarono ad utilizzare tale tecnica e così, in breve tempo, il Barbera d’Asti è diventato un vino rosso famoso e il più interessante del Piemonte. Il vitigno è nato dall’incrocio di varietà antiche. A seconda delle caratteristiche del terreno in cui vengono coltivate, le uve assumono delle diverse connotazioni che danno poi vita ai diversi gusti del vino. Alcuni tipi di uve danno la possibilità di creare vini giovani e beverini, e altri tipi di vino di grande corpo e destinati all’invecchiamento. L’ambiente in cui viene coltivato il vitigno è la collina, i cui terreni sono calcarei, argillosi, sabbiosi, neutri o sub alcalini, che sono adatti alla coltura vitivinicola. La produzione del Barbera d’Asti oltre che da questi tipi di terreni è anche caratterizzata e accompagnata da un clima continentale temperato, grazie al quale è possibile ottenere dei vini fruttati.

Il Barbera d’Asti è stato riconosciuto DOC nel 1970 e attualmente la sua produzione, che è regolata dall’ultimo disciplinare decretato nel 1991, comprende un’ampia area nelle province di Asti e Alessandria. La resa massima dell’uva è di 90 quintali per ettaro.

barbera d'asti

Barbaresco DOCG Produttori del Barbaresco 0,75 lt.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,99€


Il Barbera d’Asti e le sue Caratteristiche

barbera d'astiIl Barbera d’Asti è ritenuto uno dei vini, se non addirittura il vino più interessante di tutta la regione piemontese. Tra le sue caratteristiche organolettiche annovera un colore rosso rubino intenso, soprattutto al momento della commercializzazione, un odore fruttato, con dei ricordi di rosa canina, un gusto morbido, pieno e avvolgente. La gradazione alcoolica di questo vino rosso piemontese è pari a 12, 5 % vol e deve avere un invecchiamenti di circa 14 mesi, e solo allora può essere definito Superiore. Il Barbera d’Asti Superiore differisce dal Barbera giovanile per il suo colore: il primo presenta una tonalità tendente all’arancio, il suo profumo è meno fruttato, più etereo, con dei sentori di vaniglia oppure lievemente speziato, con un sapore più intenso e di grande struttura.

Il Barbera d’Asti può presentarsi in diversi modi: tranquillo, vivace e superiore.

Il Barbera d’Asti Tranquillo è caratterizzato da un rosso ampio e suadente. Accompagna i primi piatti saporiti e i secondi piatti a base di carne. Va servito ad una temperatura pari a 16-18°C e si abbina a tagliolini al sugo, agnolotti, tagliatele al ragù, agnello in fricassea e formaggi stagionati.

Il Barbera d’Asti vivace è più leggero e può abbinarsi a più pietanze, quali risotto con salsiccia, pappardelle al sugo di arrosto, riso e quaglie. Si sposa, inoltre, con salumi da cuocere come cotechino, salamella, zampone, verzata con cotenne e maiale, agnello al forno, braciole di maiale alla griglia. Va servito ad una temperatura pari a 16°C.

Infine, abbiamo il Barbera d’Asti Superiore che se invecchiato acquista una grande struttura ed equilibrio e accompagna pietanze elaborate a base di carne.


  • http://www.vinook.it/vitigni-rossi_N1.jpg I vini rossi superiori, con un appropriato invecchiamento aumentano la qualità del loro sapore. Questi sono vini molto corposi la cui gradazione alcoolica è pari ai 12% vol e li si ottengono da viti...
  • http://coccaglioolioepeperoncino.files.wordpress.com/2010/09/franciacorta_festival.jpg La franciacorta è l’unica zona vitivinicola italiana che produce uno spumante D.O.C. . E’ una regione che si trova in provincia di Brescia, circondata dalle sponde del lago d’Iseo, e dai fiumi Oglio e...
  • vino rosso Il vino rosso è un ingrediente molto usato in cucina. Le ricette che lo vedono protagonista sono spesso a base di carne come il brasato, spezzatini e non solo. Esistono, però, anche dei primi e dei do...
  • come versare il vino Servire il vino è qualcosa di molto speciale che non può essere sottovalutato, possiede delle regole da rispettare sia per quanto attiene il galateo sia per quanto riguarda le diverse caratteristiche ...

Legnoart Ghemme acciaio INOX sommelier cavatappi con manico Mikata, nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 59,42€


La cantina Cà Bianca

barbera d'asti La cantina Cà Bianca è situata nel Comune di Alice Bel Colle, in provincia di Alessandria. I suoi terreni si estendono su circa 39 ettari delle colline dell’Alto Monferrato. Questa cantina si propone l’obiettivo di creare dei vini che valorizzino i vitigni tipici della zona, il Barbera d’Asti. Ma sono anche altri i vini qui prodotti, ovvero: il Dolcetto d’Acqui, il Gavi, il Moscato d’Asti e il Barolo.


La Cantina Chiarlo

La cantina Chiarlo si ripropone di non modificare nessuna peculiare caratteristica dei vitigni di cui si occupano, in modo tale da creare un vino che mantenga tutte le sue qualità originarie. Tra i vini prodotti in questa cantina citiamo: Barolo DOCG, Barbera d’Asti DOCG, Barbaresco DOCG, Gavi DOCG.


La Fiammenga: dal cuore del Monferrato con i vini più pregiati

La Fiammenga dispone di più di 30 ettari di terreno, di cui la gran parte è coltivata a vigneto. I vitigni classici del Monferrato, Barbera, Grignolino e Freisa, sono stati poi affiancati, nel corso del tempo, da altri vini pregiati, ovvero: Chardonnay, Pinot nero, Cabernet. La tenuta si trova sulla strada che da Asti sale verso le terre del Casalese, esattamente nel cuore delle colline del Monferrato.


Barbera d'Asti: Castel del Poggio

La cantina il Castel del Poggio è stata costruita nel 1990, inserita proprio tra i vigneti, per permettere durante le vendemmie un conferimento delle uve più rapido. Vengono qui prodotti vinni quali: il Dolcetto, il Brachetto e il Barbera d’Asti


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO