Barbera del Monferrato Superiore

Le Zone di Produzione del Barbera del Monferrato Superiore

Il Barbera appare nel 1798, alla stesura della prima ampelografia dei vitigni coltivati sul territorio piemontese compiuta dal conte Nuvolone, sotto il nome di “Vitis vinifera Montisferratensis”.

Tale denominazione è dovuto al nome storico della regione collinosa, centro principale ancora oggi, di coltivazione del vitigno Barbera: il Monferrato. Con ogni probabilità la varietà di uva Barbera è nata da uno spontaneo incrocio di semi di vitigni più antichi. E’ certo però, che le origini del vitigno Barbera sono antichissime. Oggi il vino Barbera rappresenta circa il 50% dell’intera produzione viticola del Piemonte. Si può affermare, infatti, che il Barbera è il vino del Piemonte per antonomasia al punto tale da immedesimarsi con l’immagine vinicola della Regione.

La zona di produzione della Barbera del Monferrato superiore DOCG (istituita nel 2008) ricade nelle province di Asti e Alessandria. A partire dalla vendemmia 2008 la Barbera del Monferrato superiore ha ottenuto il riconoscimento della denominazione di origine controllata e garantita (docg).

La Barbera del Monferrato superiore trae dal terreno ricco di limo delle colline su cui nascono le sue uve la struttura e il colore intenso che la contraddistinguono. Rappresenta la volontà dei produttori, soprattutto della zona tra Vignale e Casale Monferrato, di offrire un vino importante che evidenzi i pregi del territorio e soddisfi i palati più esperti. La tipologia superiore in particolare nasce da grappoli più maturi che rimangono in cantina per un periodo minimo di un anno e trascorrono almeno sei mesi in botti di legno.

Nelle ultime annate alcune Barbera del Monferrato superiore hanno ottenuto importanti riconoscimenti in Italia e all’estero a conferma della validità della proposta monferrina.

barbera del monferrato superiore

Sentieri in Valsusa. 70 itinerari tra storia e natura

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,57€
(Risparmi 1,33€)


Le Caratteristiche Organolettiche del Barbera del Monferrato Superiore

barbera del monferrato superioreE’ un vino spesso fermo di buon corpo che soddisfa i palati più esigenti nella varietà di abbinamenti possibili e di occasioni di consumo. Nella molteplicità che contraddistingue la Barbera, un’altra anima si esprime con successo nella Barbera del Monferrato di tipologia frizzante: vino mosso da consumare giovane, lega la sua piacevolezza ai profumi fruttati e si presta ad una beva spigliata. Per la produzione del Barbera del Monferrato Superiore DOCG, si utilizzano uve Barbera da sole od per almeno l'85%, con il contributo di uve Freisa, Dolcetto e Grignolino in percentuale non superiore al 15%. Le operazioni di vinificazione ed invecchiamento devono avvenire secondo criteri adatti ad ottenere un vino di elevata qualità. Per quanto riguarda i tempi minimi di invecchiamento il Barbera del Monferrato Superiore DOCG deve invecchiare per almeno 14 mesi, dei quali almeno 6 in botti di legno. Tra le sue caratteristiche organolettiche vanta un colore è rubino, con sfumature granate con l’invecchiamento. Il profumo intenso, vinoso se giovane, ha note accentuate di frutti rossi, ciliegia, leggera spezia e talvolta floreale, acquista complessità se maturato nel legno e sviluppa sentori di cacao o vaniglia. Il sapore è piacevolmente fresco da giovane, austero se Superiore, si armonizza e completa con l’affinamento. Viene servito a 16-18°C; per quanto riguarda gli accostamenti gastronomici, il Barbera del Monferrato superiore DOCG accompagna carne rossa e selvaggina.

  • vino rosso pemontese Tra le regioni italiane una delle più vinicole è sicuramente il Piemonte, terra di vini rossi riconosciuti e consumati anche all’estero, oltre che sul territorio nazionale. In questa area troviamo un ...
  • monferrato Che ci si riferisca a tradizioni culinarie, ai dolci, oppure alla produzione vinicola, quando si parla del Monferrato si fa riferimento ad una delle roccaforti del “bere e mangiare bene” in Piemonte. ...
  • tavola Ci sono zone, in Italia e in Piemonte nella fattispecie, dove pare che il tempo si sia fermato. I riti, le tradizioni, la cultura, il modo di stare insieme, e soprattutto di mangiare, sembrano andare ...
  • ruchè di castagnole Il Rouchè è un vitigno autoctono, uno dei vitigni più rari tra quelli coltivati nel Monferrato astigiano. La sua origine proviene probabilmente da un vitigno della Borgogna, importato da monaci che l...

Piemonte

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,83€
(Risparmi 3,67€)


La Tenuta La Tenaglia, Luogo di Incontro e di Degustazione

La tenuta La Tenaglia è un’azienda vitivinicola che ospita molti turisti, enoturisti e tutti coloro che sono predisposti a trascorrere del tempo all’aria aperta sorseggiando un buon bicchiere d vino. La tenuta si trova sulle colline del Monferrato Casalese. La scorsa annata, grazie alle condizioni climatiche, è stato ancor più possibile produrre vini gradevoli e bevibili. I vini qui prodotti, ovvero il Barbera d'Asti DOC "Emozioni" 2007 e Monferrato Rosso DOC "Olivieri" 2007 sono stati premiati al Decanter World Wine Awards 2011 rispettivamente con medaglia d'oro e medaglia d'argento.


Accornero, nel cuore del Monferrato

L’azienda vitivinicola Accornero è situata nel centro del Monferrato. Il terreno consta di 20 ettari coltivati a vigneto. Il tutto ha una base biologica, evitando l’utilizzo di fertilizzanti chimici e diserbanti, a favore di concimi naturali che portano alla produzione di elementi non dannosi all’ambiente e garantendo un ottima qualità dei loro prodotti.


Restiamo al centro del Monferrato con Bricco Mondalino

L’azienda vinicola Bricco Mondalino è situata in provincia di Alessandria, tra le colline del Monferrato. I vigneti sono disposti per 18 ettari e sono ben soleggiati. Il terreno è bianco, calcareso, costituito da sedimenti marini ricchi di conchiglie fossili. L’azienda va avanti da generazioni e ogni anno vengono prodotte circa 100mila bottiglie di vino, ricavate dal succo di uve tradizionali.


Post dal Vin, nel cuore vinicolo della Barbera

L’azienda vinicola Post dal Vin ha due ubicazioni in cui svolge le sue attività: una è equipaggiata per la vinificazione e lo stoccaggio con le tecnologie più moderne, ma continuando a rispettare le tecniche tradizionali; l'altra è dotata di un punto vendita dove sono disponibili, vini DOC, sfusi ed in bottiglia, ma anche prodotti tipici dell'agroalimentare piemontese.




COMMENTI SULL' ARTICOLO