Colli Perugini

La zona vinicola

L'area di produzione del Colli Perugini DOC coinvolge una piccola zona della provincia di Perugia, sconfinando in minima parte in quella di Terni, nella valle del Tevere.

La conformazione del territorio si identifica con l'orogenesi della valle e di tutto l'Appennino Umbro-Toscano, con presenza di sedimenti calcareo – argillosi deposti e successioni di Corniola, fango calcareo, con estesi agglomerati calcarenitici e calciruditici.

uno scorcio dei Colli

Rosato Colli Altotiberini (1981)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,39€


I vitigni

Il Grechetto I vitigni coltivati per produrre il Colli Perugini bianco sono il Trebbiano, la Malvasia, il Grechetto, lo Chardonnay, il Pinot bianco, il Pinot grigio e il Pinot nero vinificato in bianco per la produzione dello spumante.


  • Il panorama della zona di Assisi L'area di produzione dell'Assisi è situata ai piedi del fianco occidentale del Monte Subasio, caratterizzato da fenomeni carsici, grotte sotterranee avvallamenti e doline di forma circolare con notevo...
  • Panorama della Valle del Tevere L'area di produzione dei bianchi dei Colli Altotiberini è molto antica, descritta già da Plinio il Vecchio come una regione ricca di vigneti utilizzati ancor prima dagli Etruschi. La vicinanza con la ...
  • Il panorama di Amelia La produzione dei bianchi di questa denominazione si svolge sui Colli Amerini, una zona molto ristretta a conformazione montagnosa con cime basse al di sotto dei 1000 metri, delimitata a nord dalla Go...
  • Il Grecante L'area vinicola dei Colli Martani si trova in Umbria, su terreni sedimentari di origine marina, presenza di rocce calcaree molto permeabili che fanno del sottosuolo un intricato labirinto di falde sot...

Grecante 75 cl Arnaldo Caprai 2013 Bianco Colli Martani Doc

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,3€


Il Colli Perugini DOC bianco

La denominazione di origine controllata Colli Perugini è stata istituita con il decreto ministeriale del 10 settembre 1999 per autorizzare la produzione di vini bianchi, rosati e rossi anche in tipologia spumante e Vin Santo, in parte della provincia di Perugia e di Terni.

Le tipologie previste dal disciplinare per i bianchi sono il Colli Perugini Bianco, Spumante, Vin Santo i monovarietali Chardonnay, Grechetto, Pinot grigio e Trebbiano.

Le basi ampelografiche che riguardano questi vini si compongono rispettivamente per il Colli Perugini bianco e Vin Santo dal Trebbiano toscano per un minimo del 50% dell'assemblaggio a cui possono concorrere gli altri vitigni a bacca bianca, autorizzati per la provincia di Perugina sino ad un massimo del 50%, con un limite massimo del 10% per le Malvasie; per il Colli Perugini Spumante dal Grechetto, Chardonnay, Pinot bianco, Pinot grigio e Pinot nero, da soli o congiuntamente per un minimo del 80% dell'assemblaggio a cui possono concorrere altri vitigni a bacca bianca, autorizzati per la provincia di Perugina sino ad un massimo del 20%; e per i monovitigno Chardonnay, Grechetto, Pinot grigio e Trebbiano dal corrispettivo vitigno presente per almeno l'85% nell'assemblaggio.

Le rese massime delle uve non devono superare per il Colli Perugini Bianco, il Vin Santo, il Grechetto, il Pinot grigio e il Trebbiano le 12,0 tonnellate per ettaro; e per lo Chardonnay la tipologia Spumante le 11,0 tonnellate. La resa in vino dell'uva per il Vin Santo non deve superare il 40%.

Per l'iscrizione all'albo sono esclusi i vigneti ubicati in terreni di pianura e di fondovalle e quelli ad una quota superiore ai 500 metri sul livello del mare.

La produzione dello Spumante deve essere effettuata con il metodo della fermentazione in autoclave o in bottiglia, con l’esclusione di qualsiasi aggiunta di anidride carbonica e può svolgersi anche nell'intero territorio della regione.

Le uve destinate alla produzione del Vin Santo devono essere sottoposte ad un periodo di appassimento, che può andare oltre il 31 Marzo dell’anno successivo all’anno di produzione delle uve.


I vini

Il Colli Perugini bianco ha colore giallo paglierino con lampi verdolini. Il sapore è asciutto e fresco, di gusto leggermente fruttato. Si consiglia con i formaggi freschi, le minestre in brodo e i piatti a base di pesce o uova.

Il Colli perugini Chardonnay presenta un colore paglierino verdognolo e profumo intenso. Il palato ha sapore asciutto e fruttato. Da provare con i formaggi molli, il luccio e i risotti ai molluschi.

Nel Colli Perugini Grechetto il colore varia dal paglierino al dorato. Il profumo è leggermente vinoso, delicato, con sapore asciutto o leggermente abboccato, vellutato, dal lungo retrogusto amaro e fruttato. Per i crostacei, i formaggi caprini e il risotto ai frutti di mare.

Il Colli Perugini Pino grigio ha un colore paglierino, tipico del vitigno, con profumo fruttato, fine, tipico e sapore asciutto con palato vellutato. In abbinamento si può provare con le acciughe, le sogliole e le triglie.

Nel Colli Perugini Trebbiano il colore è giallo paglierino con riflessi verdognoli. L'olfatto è delicato e il sapore asciutto, fine, caratteristico. A tavola con il risotto agli scampi e la zuppa di pesce.

Il Colli Perugini Spumante ha spuma fine e persistente, con colore giallo paglierino intenso. Il profumo è piacevolmente fruttato, persistente, con sapore secco, armonico, elegante e pulito. In aperitivo o con i dessert, si può abbinare anche a piatti di pesce leggeri.

Per Colli Perugini Vin Santo il colore varia dal giallo paglierino all’ambrato, con profumo etereo, intenso, aromatico e sapore che va dal secco al dolce con sentore di miele e vaniglia, molto armonico. Ottimo per i dessert e la pasticceria cremosa.


Le aziende

Casa Norcia produce il Colli Perugini Grechetto ben fruttato, con in evidenza i frutti esotici come la banana e l'ananas ma anche a polpa bianca come la pera williams e la pesca. Seguono poi i toni floreali della ginestra e la frutta secca tipica del mandorlo. Il palato è vellutato e persistente, per essere abbinato sia con il pesce che con le carni bianche. Produce anche lo Chardonnay, che si presenta sempre fruttato ma con una notevole freschezza e gusti più delicati, da abbinare al pesce e ai crostacei.




COMMENTI SULL' ARTICOLO