Lavorazione uva

La lavorazione dell'uva

La lavorazione dell'uva segue tutto il ciclo biologico della vigna per continuare in cantina, dove ci sarà la parte che riguarda la vinificazione.

L'uva va seguita dall'impianto fino alla bottiglia, per avere un prodotto di qualità, coccolata dall'impianto del vigneto fino alla sua vecchiaia.

Va seguita in tutte le stagioni, accudita e poi una volta raccolta trattata con cura e amore. Ricordiamo sempre il detto francese che dice “Il vino nasce nella vigna e muore nella bocca”. È un prodotto vivente che continua la sua evoluzione durante tutta la sua vita.

Lavoro in vigna

Calici per vino rosso Stölzle Lausitz Exquisit, 480 ml, servizio da 6, lavabili in lavastoviglie: bicchieri universali per vini rossi ottenuti da numerose varietà d’uva, lavorazione pregiata

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,16€


Il lavoro nel vigneto

La lavorazione dell'uva inizia nel vigneto, con un lavoro meticoloso che non può certamente essere trascurato o sottovalutato. Ogni aspetto va progettato attentamente, dalla scelta della varietà coltivata, dipendente dalle condizioni climatiche e dalla natura del terreno, al tipo di impianto.

Particolare attenzione va riservata alla forma dall'allevamento, anch'essa dipendente dalle condizioni precedenti. Il tipo di potatura è fondamentale non solo per la stagione in corso, ma anche per il rinnovo delle piante nell'anno seguente. Da esso poi dipende la qualità delle uve e quindi del vino che si produrrà, la concentrazione zuccherina e la crescita della pianta. La sua scelta deve essere oculata, e uno sbaglio in questa scelta è spesso decisivo in negativo. L'uva potrebbe risentirne in concentrazione zuccherina e acidità, dando luogo a vini scadenti.

La vendemmia è un altro momento delicato, soprattutto per le uve bianche, in cui un errore potrebbe vanificare il lavoro di un intero anno. Gli acini non solo devono essere raccolti in modo da essere integri, ma anche selezionati con esperienza e maestria, in quanto non potranno essere chiaramente tutti uguali nel loro grado di maturazione.


  • La Barbera La Barbera è un'uva autoctona italiana, originaria del Piemonte, tra le più conosciute e piantate uve rosse d'Italia fino agli anni 90 del novecento, quando “esplosero” le uve autoctone del sud, dove ...
  • Lavori in corso in un nuovo vigneto Anche se la maggior parte dei vigneti è già impiantata, ogni coltivatore deve necessariamente progettare i nuovi impianti, in relazione a molti fattori, inclusi il rimpiazzo dei vigneti vecchi ormai i...
  • Il grappolo Scientificamente il grappolo dell'uva è il prodotto dell'infiorescenza della pianta della vite, che raccoglie i frutti, detti acini e anche bacche.Per grappolo si intende tutta l'infiorescenza trasf...
  • un grappolo di Falanghina La Falanghina è una varietà molto antica, le cui origini sono abbastanza misteriose, ma con buona certezza possiamo ritenere che fosse coltivata già ai tempi dei Romani. Attualmente viene coltivata ...

Calici Vino Rosso in Cristallo lavorazione "Uva SW" in confezione regalo - Set 2 pezzi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 53€


Lavorazione uva: La lavorazione in cantina

Il lavoro prosegue poi in cantina, altro luogo fondamentale della lavorazione delle uve. Anche qui un errore potrebbe essere fatale. Vanno quindi scelte le attrezzature giusta, in funzione del tipo di vino e delle lavorazioni che si intendono eseguire. Anche qui gli studi enologici e l'esperienza giocano un ruolo importantissimo nello stabilire i tempi e i processi di vinificazione giusti.

La bellezza del vino è data dal fatto che ogni stagione non può essere uguale alla precedente, per condizioni climatiche, sfruttamento del territorio e molti altri fattori ingovernabili.

Nella vinificazione quindi ogni stagione rappresenta un progetto a se stante, che deve essere valutato e calcolato con estrema precisione. Il grado di maturazione delle uve, e quindi il contenuto zuccherino, possono variare, anche sensibilmente, cambiando cosi i tempi di fermentazione e macerazione. I nutrienti potrebbero aver modificato ugualmente le concentrazioni, variando cosi i profumi del vino.

Un mondo quindi che si rinnova di anno in anno, senza essere mai noioso e uguale a se stesso.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO