Rossese

La varietà

Il Rossese è un vitigno a bacca rossa autoctono ligure, molto tipico e legato al territorio di Dolceacqua, piccolo comune a 20 chilometri dalla Francia, sulle alte colline della provincia di Imperia, che regala dei rari vini particolari. Probabilmente il Rossese venne introdotto dai Greci già nel VII secolo avanti Cristo, ma le notizie sono del tutto incerte. Si sa per certo che il vitigno è presente da tempo immemorabile nella zona.

Alcuni ritengono che l'introduzione della vite in Liguria sia avvenuta per opera degli antichi Greci; altri sostengono che gli Etruschi iniziarono per primi a coltivare la vite nella parte occidentale della regione. Altre notizie però lo vogliono importato dai Doria nei loro possedimenti a Dolceacqua nell 1270 in uno dei loro viaggi via mare. Il Rossese si presenta con grappoli mediamente grandi, a forma piramidale, alati, mediamente a spargolo. Le bacche sono di dimensioni medie o medio-piccole, ellittiche, con colore blu che tende al nero e al violetto, abbastanza pruinosi e con bucce mediamente spesse. Tra le avversità il Rossese soffre la colatura e l'acinellatura.

Il sistema di allevamento tradizionale è ad alberello, ma negli ultimi anni si stanno sperimentando anche altri sistemi. I vigneti si trovano sulle impervie colline delle Prealpi liguri, tra i 300 e i 600 metri sul livello del mare, e questo fa sì che tutte le operazioni siano manuali. A causa della difficile morfologia del territorio è probabile che il vitigno sia sempre rimasto confinato in quest'area. Le rese sono abbastanza produttive e costanti.

Rossese

Il Rossese di Dolceacqua. Il vino, il territorio di produzione, la storia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17€
(Risparmi 3€)


I vini del Rossese

I vini del Rossese hanno guadagnato la propria denominazione di origine dal 1972, che comprende 14 comuni in Val Nervia e nella Valle Crosia, dove si vinifica in purezza in un disciplinare che prevede almeno il 95 per cento del vitigno. Da luogo a rossi leggeri, da bere giovanissimi, ma se vinificato con attenzione riesce a regalare buoni vini, anche complessi, anche invecchiabili.

Il colore, prima molto chiaro, diventa di un bel rubino che tende al granato con il tempo. La gamma olfattiva è vinosa, con bei profumi floreali di delicate rose e viole, con punte fruttate di fragola e ribes. Il palato resta delicato, morbido, ma con un bel corpo strutturato dai tannini che lo rendono leggermente amarognolo, equilibrato però da ottime vene vellutate. Viene vinificato anche nella tipologia superiore se affinato per un anno, ma nelle vinificazioni di particolare pregio, deve essere consumato dopo almeno quattro anni, riuscendo ad invecchiare fino agli otto.

Gli abbinamenti ideali sono con la carne rossa ma anche con selvaggina, come il coniglio in umido, a temperature di circa 18° centigradi. Fa parte delle denominazioni di origine Rossese di Dolceacqua o Dolceacqua DOC e del Riviera Ligure di Ponente DOC, ma viene vinificato anche in indicazione geografica tipica.


  • La Barbera La Barbera è un'uva autoctona italiana, originaria del Piemonte, tra le più conosciute e piantate uve rosse d'Italia fino agli anni 90 del novecento, quando “esplosero” le uve autoctone del sud, dove ...
  • Lavori in corso in un nuovo vigneto Anche se la maggior parte dei vigneti è già impiantata, ogni coltivatore deve necessariamente progettare i nuovi impianti, in relazione a molti fattori, inclusi il rimpiazzo dei vigneti vecchi ormai i...
  • Il grappolo Scientificamente il grappolo dell'uva è il prodotto dell'infiorescenza della pianta della vite, che raccoglie i frutti, detti acini e anche bacche.Per grappolo si intende tutta l'infiorescenza trasf...
  • un grappolo di Falanghina La Falanghina è una varietà molto antica, le cui origini sono abbastanza misteriose, ma con buona certezza possiamo ritenere che fosse coltivata già ai tempi dei Romani. Attualmente viene coltivata ...

Manzone vino Rosserto Langhe Rossese Bianco DOC 2014 - 1 Bt. 0.75L

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,75€


I produttori

Il borgo medioevale di Dolceacqua Un gran bel Rossese in purezza viene vinificato da Terre Bianche nel suo Rossese di Dolceacqua Bricco Arcagna, un vino di un bel rubino che porta ad una gamma olfattiva matura, con marasca e speziature di chiodi di garofano. Bel palato tannico ed equilibrato, ideale per la capra ai fagioli. Sempre da Terre Bianche il Rossese viene impiegato al 30 per cento in assemblaggio al Cabernet Sauvignon nell'Arcana Rosso, un ottimo vino da tavola di livello nazionale, di un bel rubino con venature granata. Ottimo olfatto di sottobosco finito dalle note di vaniglia. Il palata ha bei tannini, brillanti, e dopo 18 mesi in botte si abbina splendidamente con il piccione in umido. Terre Bianche vinifica anche il Rossese IGT, rubino brillante, con bei sentori di viola e more, con palato fresco dotato di sapidità, per la torta di bietole.

Gran Rossese in purezza anche nel Riviera Ligure di Ponente di La Vecchia Cantina, rubino porpora, con un bell'aroma di ribes e lampone. Bel palato sapido e fresco, da provare con le zuppe.

Bel Rossese di Dolceacqua Superiore anche da Foresti, rubino venato di porpora, con una bella gamma olfattiva incentrata sui frutti di bosco, caldo al palato dai tannini ben equilibrati. Da provare con gli involtini di carne liguri.

Da provare anche il buon Riviera Ligure di Ponente Rossese di Cascina Feipu dei Massaretti, con i riflessi viola e i classici aromi di fragola e ribes. Palato sapido e caldo, per accompagnare i ravioli al ragù.

Da Biovio è in assemblaggio con il 20 per cento di Granaccia per il Bacilò, dai riflessi porpora, anche qui pieno di ribes, lamponi e un palato incentrato sulla sapidità e la delicatezza. Bene con la torta di zucca.

Da Bruna torna in purezza per il Riviera Ligure di Ponente Rossese che assume colori chiari, con olfatto delicato e fresco di ciliegia e mora. Tannini levigati e discreta persistenza da accompagnare con i porcini.

Ancora un grande assemblaggio al 30 per cento, con il 50 per cento di Grenaccia e il 20 di Barbera per il Solitario, un gran vino da tavola di Cascina delle Terre Rosse, di un bel rubino profondo sfumato di violetta. Bel naso complesso, con il ribes e le more che vengono speziate dalla liquirizia e dalla vaniglia. Tannini aristocratici e levigati, affinato in botte e da provare con gli stufati.




COMMENTI SULL' ARTICOLO