Pelaverga Piccolo

La varietà

Il Pelaverga Piccolo è un vitigno rosso autoctono piemontese di origini antichissime e una volta diffusissimo in tutte le colline Saluzzesi, in provincia di Cuneo, come attestano alcuni documenti risalenti ai frati di San Colombano del VIII secolo. Dimenticato per lungo tempo, sta conoscendo nell'ultimo decennio una riscoperta, come del resto molti piccoli autoctoni italiani che si stanno avvantaggiando con le denominazioni di origine nella loro valorizzazione.

Altri cenni storici vengono da fonti vaticane del 1511 in cui si parla dei regali che Margherita di Foix, moglie di Ludovico II marchese di Saluzzo, inviava a Papa Giulio II.

In un altro testo del 1798 Nuvolone afferma che tutta l'area collinare di Pagno, nella Valle Bronda, veniva coltivata con questa varietà, e altri testi del 1835 lo confermavano in associazione con il Nebbiolo. Al Pelaverga si risale anche nei testi di Andrea Bacci del XVI secolo in cui si parla degli ottimi vini di Saluzzo, spediti dal porto di Savona. Apprezzato per molti secoli, il Pelaverga era uno dei pochi vitigni a vantare vini monovarietali. Coltivato a ridosso delle Alpi, dopo la prima crisi della fillossera che nell'ottocento fece diminuire quasi tutte le viti autoctone, il novecento vide un ulteriore ridimensionamento del vigneto, fino all'oblio, dovuto in gran parte alla migrazione dei popoli delle valli alpine verso le città e alla sostituzione della vite con coltivazioni più redditizie come la frutta. Oggi si differenzia il Pelaverga di Saluzzo da quello Piccolo la cui coltivazione è ancora limitata a qualche ettaro nelle Langhe, precisamente a Verduno, Roddi e La Morra, ma molto probabilmente il Piccolo è di origine Salluzzese. Il vitigno si presenta con grappoli di dimensioni medio-grandi, e forme piramidali alate. L'acino invece è piccolo, sferico e pruinoso. Ha un'elevata produzione ma incostante. Viene coltivato in collina dove le buone esposizioni asciugano il terreno.

Pelaverga Piccolo

ERSTE+NEUE - Alto Adige - PINOT NERO 2017 Blauburgunder Linea Classica - Erste +Neue - 75 cl. 6bt

Prezzo: in offerta su Amazon a: 72,98€


I vini del Pelaverga Piccolo

Il Pelaverga Piccolo fornisce vini leggeri e scarichi di colore, di pronta beva, quando vinificato in purezza, mentre assemblato al Nebbiolo il vin o chiaramente diviene più strutturato. Viene assemblato spesso nel Piemonte DOC ed ha un suo DOC dedicato, il Verduno Pelaverga. In questo caso è previsto nel disciplinare un possibile assemblaggio con altre viti rosse al 15 per cento. Il vino di questo DOC è delicato, fresco, con una struttura acido-tannica equilibrata. Il naso si apre a note floreali e fruttate, in particolare violetta e ciliegia. Se affinato aggiunge note speziate di pepe verde e bianco.


  • Cabernet Franc Il Cabernet Franc è una varietà rossa francese generalmente secondaria rispetto al suo fratello maggiore Cabernet Sauvignon, e trova un ruolo di primo piano solo nell'Anjou-Tourraine della Valle della...
  • Malbec Il Malbec è una varietà francese una volta molto diffusa nel Bordolese, mentre oggi la sua coltivazione si è trasferita nel Cahors, dove è il vitigno rosso più piantato e produce vini interessanti e i...
  • Cabernet Sauvignon Il Cabernet Sauvignon è una delle varietà nobili, francese, di origine Bordolese, nello specifico dell'area del Médoc e delle Graves dove l'ottimo drenaggio del terreno favorisce queste uve a maturazi...
  • Cannonau Il Cannonao, o più comunemente chiamato Cannonau, è la varietà rossa più coltivata e vinificata della Sardegna con il 28 per cento delle superfici vitate dedicate a questa splendida uva.La sua origi...

Bottebuona Vino Merlot Igt Cl.75

Prezzo: in offerta su Amazon a: 4,55€


I produttori

Tra i produttori si segnala l'ottima produzione dei Fratelli Alessandria che vinificano il Verduno Pelaverga puro con grandi risultati. 13% vol per questo ottimo ma sconosciuto affascinante vino dal colore scarico e il naso floreale e pepato di bianco. Un ottimo accompagnamento per verdure ripiene.

Un grande Verduno Pelaverga anche da Burlotto, in purezza con un rubino chiaro e brillante e un'apertura fantastica di fiori rossi, ciliegia fresca e pepe. Fresco e vivace, il palato è leggermente tannico per accompagnare il petto d'anatra.




COMMENTI SULL' ARTICOLO