Girò

La varietà

Il Girò è un vitigno rosso che fu introdotto Campidano di Cagliari durante l'occupazione spagnola dell'isola sarda intorno al 1500 anche se inizialmente la sua diffusione era molto limitata, per poi esplodere due secoli più tardi. È quindi di probabile origine spagnola, anche se oggi è molto diffuso solo in questa parte dell'Europa, divenendo praticamente autoctono. È citato comunque da molti autori che spesso lo hanno indicato con nomi diversi, come il Manca dell'Arca descritto da Zirone in Spagna, o i sinonimi in dialetto sardo Nieddu alzu e Aghina bàrja per il Mameli e infine il Girone di Spagna per l'autore Lolli. Per il Flora Sardoa di Morris il vitigno invece si chiama Vitis suavis. Il periodo di maggiore diffusione riguarda la Sardegna del sud della prima metà del Settecento, sotto il dominio Savoiardo, come riportato dalle leggi emanate all'epoca per la regolamentazione nelle coltivazioni vinicole ad opera del Marchese di Rivarolo del 1736. Come moltissime uve europee, anche il Girò venne drasticamente ridotto e messo in pericolo dall'epidemia di filossera della metà dell'Ottocento, ma dalla fine degli anni 70 del Novecento i viticoltori sardi preferirono reimpiantarlo, decretando un forte sviluppo che ha riproposto all'attenzione degli appassionati il vitigno.

Il Girò si presenta con grappoli di medio-grandi dimensioni, a forma cilindrica o piramidale, alati con densità a semi-spargolo. Le bacche sono di medie dimensioni, sferici, con buccia spesse e nero-violacee. Viene coltivato quasi esclusivamente nel Campidano, dove i terreni hanno ricche concentrazioni di calcare e argilla, ben lavorati in profondità. I terreni grazie all'argilla sono freschi ma al contempo l'ottimo drenaggio non ne trattiene l'umidità, mantenendoli caldi. Si coltiva con forme di allevamento poco espanse. Le rese sono ottime ma non regolari, e anche se ha un buon comportamento nelle variazioni climatiche, mal sopporta le malattie crittogamiche.

Giro

Aleatico passito dell' Elba MB 0,375 lt. - 2013 Tenuta delle Ripalte

Prezzo: in offerta su Amazon a: 38,25€


I vini del Girò

Il Girò può essere vinificato in purezza nella denominazione di origine DOC Girò di Cagliari, prodotto in diverse tipologie, ma anche in assemblaggio con le altre autoctone sarde. Nelle vinificazioni in purezza viene spesso prodotto nelle tipologie secche o dolci, come vino liquoroso o dolce naturale in cui in ogni caso spiccano delicati sentori di mosto o uve fresche, sempre a seconda della vinificazione, e nespole con piccoli frutti rossi. Il palato risulta generalmente morbido, a volte vellutato nelle lavorazioni migliori, spesso asciutto, con un grado alcolico medio e una bella struttura sorretta da tannini accennati. Raramente viene vinificato secco, dando il meglio di se in versione dolce e liquorosa. In questi casi è un ottimo compagno per i dolci a pasta non lievitata, specialmente quella sarda con le mandorle come ingrediente base. Ma si abbina bene anche alla pasticceria cremosa o con le crostate di frutta, ma anche alla frutta, sia fresca che seccata. Inoltre sembra sentirsi a suo agio con i formaggi dell'isola, in particolare con quelli stagionati. La degustazione viene consigliata nei calici a tulipano, a circa 10-12 °C.


  • Il Girò di Cagliari di Donna Jolanda La zona vinicola dove viene coltivato il Girò è molto vasta e variegata. Nella provincia di Cagliari e parte dei quella di Oristano la vite è coltivata da secoli, a cominciare dal periodo della domina...
  • concimazione primaverile La vite si nutre, come qualsiasi altra pianta, attraverso i sali minerali e gli elementi organici presenti nel terreno ed assorbiti tramite le radici, l'organo della pianta preposto all'assimilazione ...
  • Groppello Il Groppello è un vitigno a bacca rossa autoctono del Lago di Garda, dove era conosciuto già in epoca romana tanto da essere descritto sia da Virgilio che Plinio il Vecchio, ma anche da numerosi altri...
  • Malvasia del Lazio La Malvasia del Lazio è un vitigno a bacca bianca che, come è facile intuire, fa parte della famiglia della Malvasie, uno dei vitigni più antichi e anche coltivati in Europa e specialmente in Italia. ...

zaino esterno/60Lsacchetto di alpinismo/Zaino di spruzzi/Pacchetto a piedi-rosso 60L

Prezzo: in offerta su Amazon a: 121€


I produttori

Giro di Donna JolandaTra i produttori si segnala Donna Jolanda, con il suo Girò di Cagliari della fattoria “Sa Rosa”, con il vino di un delicato rubino e ottimi aromi di uva e mosto. Il palato rispetta le indicazioni generali, con tannini dolci e gusti molti mielati. Buona la struttura e il tessuto vellutato, morbido, che ben si accompagna sia alla pasticceria cremosa che alla meditazione. Si consiglia di servirlo ben freddo, anche a 8°C. Il vitigno viene coltivato su terreni alluvionali, con presenza di molti ciottoli che riscaldano le vigne in cui c'è anche una forte presenza di argilla, che potrebbe trattenere eccessivamente l'umidità. Il calcare è altrettanto presente nelle vigne, e fornisce elementi essenziali alla struttura del vino. Il vino raggiunge quindi i 14,5% vol e viene venduto ad un prezzo di circa 11 euro per le bottiglie da 0,5 litri.

Purtroppo, nonostante sia in fase di crescita, e abbia ottenuto la denominazione di origine controllata già alla fine degli anni settanta, il Girò di Cagliari non riesce ancora ad uscire con sicurezza dalla sua zona di produzione per porsi all'attenzione del pubblico nazionale, rimanendo confinato alla conoscenza dei soli addetti ai lavori e degli appassionati più informati.

Resta molto raro da trovare nelle enoteche al di fuori dell'isola, e per i curiosi l'unica opportunità di ordinarlo è spesso rappresentata da internet, dove qualche piccola enoteca on-line tratta questo prodotto. Purtroppo alla protezione legislativa da parte della regione Sardegna, non si è fatto seguito con un'adeguata campagna pubblicitaria ed informativa.

Un buon modo per scoprire i prodotti del Campidano resta comunque una visita ad una delle tante sagre del luogo. In questo periodo potrete trovarlo alla fiera di natale di Pula.




COMMENTI SULL' ARTICOLO