Uva ursina tintura madre

La varietà

L'uva ursina è una pianta arbustiva di piccole dimensioni, circa 25-30 centimetri di altezza, appartenente alla famiglia delle Arctostaphylos, con il nome scientifico di Arctostaphylos uva-ursi. Trova moltissimi impieghi come pianta officinale, grazie alla presenza arbutina, un elemento terapeutico molto importante nella cura delle infezioni soprattutto delle vie urinarie.

Viene utilizzata per curare la prostata dalle cistite e dalle infiammazioni, facendo infusi e decotti con le foglie. Si consiglia comunque di consultare prima un fitoterapista, in quanto ci potrebbero essere delle controindicazioni al livello dello stomaco o di intossicazione.

decotto

UVA URSINA TINTURA MADRE BIOALMA – 60 ML. Limita i disturbi delle vie urinarie femminili e favorisci il loro benessere con l’uva ursina. Estratto concentrato di foglie di uva ursina (1:10), al 100% naturale e analcolico, senza zuccheri aggiunti. Ideale anche per le donne in gravidanza. Notificato al Ministero della Salute Italiano.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


La tintura madre

La tintura madre viene prescritta oltre che per le infezioni urinarie anche come antidolorifico. L'uva ursina infatti contiene altri principi attivi come i tannini e i flavonoidi e i triterpeni.

La tintura madre si prepara come infuso, decotto ma anche per macerazione a freddo, utilizzando le foglie. I dosaggi sono generalmente prestabiliti in 40 gocce da prendersi tre volte al giorno. La tintura madre viene preparata in associazione con altre erbe. In genere la ricetta più usata è composta di 40 grammi di foglie di uva ursina, 30 grammi di Solidago Virga, 30 grammi di Orthosiphon. Le foglie sbriciolate ed essiccate vanno cotte per un quarto d'ora, e poi filtrate. Il decotto può essere bevuto freddo, visto il gusto abbastanza amaro, in modo da coprire il sapore.

La macerazione a freddo, che consiste nel lasciare la miscela di erbe in acqua per almeno 48 ore, offre la possibilità di non far evaporare alcuni elementi durante la cottura. Può essere macerata anche in alcol, sempre da utilizzare in gocce diluite in acqua.

  • Dom Perignon Se siete appassionati di champagne e, in generale, di enologia, vi si drizzeranno le orecchie all’ascolto di questi anni: 1985, 1988, 1988, 1990 e 1995. Non stiamo dando i numeri, ma semplicemente par...
  • Carlo X Molte case vinicole della Champagne sono delle cantine storiche, alcune presenti anche da due secoli sul mercato.Queste grandi cantine hanno saputo attraversare il tempo e gli accadimenti per acquis...
  • Dom Pérignon Le maison de Champagne sono oramai entrate nell'immaginario collettivo come simbolo di lusso. Bere un bicchiere di Ruinart o di Salon è sinonimo di classe e agiatezza. Così molto spesso usiamo dei nom...
  • un vigneto della champagne classificato premier cru Gli Champagne possono essere classificati secondo vari criteri, tra cui i più utilizzati sono il grado zuccherino residuo e il cru, dove il grado zuccherino residuo è deciso dal produttore a seconda d...

UVA URSINA BIOLOGICA 50 ml. Estratto idroalcolico Tintura madre Cistite, prostatite

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9€


Uva ursina tintura madre: Gli altri usi

La tintura madre di uva ursina viene prescritta anche per la cura della gotta, e per favorire la diuresi. Inoltre è abbastanza analgesica. Ha inoltre proprietà astringenti, e quindi può essere utilizzata per combattere la ritenzione idrica. In erboristeria viene utilizzata anche come anticongestionante e per combattere l'ipertrofia della prostata. I tannini e i glucosi presenti nella tintura madre possono inoltre combattere le fermentazioni nell'apparato digestivo e lenire quindi problemi di riflusso e acidità. Infatti l'uva ursina ha anche capacita di bilanciamento per la flora batterica, e può essere usata nei casi di squilibrio intestinale. Allo stesso tempo però non bisogna abusarne in quanto i troppi tannini potrebbero causare vomito e nausea, come spesso accade con concentrazioni troppo elevate. Bisogna sempre quindi rispettare i dosaggi e consultare un fitoterapista.



COMMENTI SULL' ARTICOLO