Uva in gravidanza

I contenuti dell'uva

L'uva è un frutto della natura che contiene elementi essenziali per la nutrizione umana. Come tutte le piante la vite costruisce questi elementi nutritivi attraverso il processo di fotosintesi svolto dalle foglie, dove si assorbe anidrite carbonica per ricavare carbonio, essenziale per costruire la vita organica. Gli zuccheri naturali, quali glucosio e fruttosio, sono quelli più semplici in natura, e a differenza di quelli lavorati, come ad esempio zucchero semolato e altri, sono benefici e non dannosi per il corpo umano. L'uva inoltre contiene vitamine, flavoni e antonociani, tutti elementi antiossidanti, antipertensivi e utili al benessere.

Nell'uva il contenuto zuccherino è composto dal 70 per cento circa di glucosio e il 30 per cento circa di fruttosio. Sono prodotti assolutamente sani e biologici. Lo zucchero inoltre fornisce le energie per il buon funzionamento del cervello, a differenza dei carboidrati, di cui gli zuccheri sono parte, che invece agiscono come fonte energetica per i muscoli. La loro assimilazione da prodotti naturali con zuccheri semplici è quindi fondamentale, assieme al potassio, per un buon funzionamento celebrale.

Uva in gravidanza

WP Fotocatalizzatore Anti-Mosquito Lamp Home senza radiazioni Mute Photocatalyst Mosquito Donne incinte Baby Fly Insetto Repellent , white

Prezzo: in offerta su Amazon a: 52,06€


L'uva in gravidanza per il bambino

Mangiare uva in gravidanza non è affatto nocivo, purché non se ne abusi, come tutti i cibi del resto. Per il bambino non comporta alcun rischio, a parte una possibile eccitazione del feto. Lo zucchero infatti, come abbiamo detto in precedenza, è un forte energetico per il cervello, e il glucosio e fruttosio contenuto dei chicchi, pur essendo naturale, potrebbe eccitare oltre modo il piccolo se mangiato in grandi quantità. Vero che le mamme sopporterebbero qualsiasi cosa nel pancione, ma potrebbero trovarsi a passare qualche notte agitata in caso avessero mangiato troppa uva a cena. Lo zucchero infatti potrebbe eccitare e stimolare il bambino, accentuandone la mobilita per un lungo periodo. Niente di pericoloso per la salute, ma bisogna essere pronte in questo caso ad un'iperattività, una sorta di atleta nella pancia che sferra calci e pugni un po ovunque.

  • Dom Perignon Se siete appassionati di champagne e, in generale, di enologia, vi si drizzeranno le orecchie all’ascolto di questi anni: 1985, 1988, 1988, 1990 e 1995. Non stiamo dando i numeri, ma semplicemente par...
  • Carlo X Molte case vinicole della Champagne sono delle cantine storiche, alcune presenti anche da due secoli sul mercato.Queste grandi cantine hanno saputo attraversare il tempo e gli accadimenti per acquis...
  • Dom Pérignon Le maison de Champagne sono oramai entrate nell'immaginario collettivo come simbolo di lusso. Bere un bicchiere di Ruinart o di Salon è sinonimo di classe e agiatezza. Così molto spesso usiamo dei nom...
  • un vigneto della champagne classificato premier cru Gli Champagne possono essere classificati secondo vari criteri, tra cui i più utilizzati sono il grado zuccherino residuo e il cru, dove il grado zuccherino residuo è deciso dal produttore a seconda d...

La Miglior CREMA CORPO IDRATANTE ELASTICIZZANTE - A base di Acido Ialuronico e Vitamina E. rende la pelle Elastica e Tonica donando un particolare Tocco Setoso. Rapido Assorbimento. Azione Antiossidante. Contrasta l’Azione Negativa dei Radicali Liberi mantenendo Elastica la Struttura Cellulare - Ingredienti di Altissima Qualità - Prodotto Professionale (Centri Estetici o Farmacie) - Prodotto in Italia - 200 ml - Fiori di Cipria

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25€
(Risparmi 8€)


Uva in gravidanza: L'uva in gravidanza per la mamma

Anche per la mamma il consumo di uva in gravidanza non comporta alcun rischio, a parte qualche malessere che potrebbe evidenziarsi nell'abuso, come un'eccessiva acidità gastrica. Gli unici pericoli deriverebbero da anomalie nella curva glicemica, ma con la monitorizzazione costante dei nostri giorni da parte dei ginecologi, certamente un tipo di disfunzione del genere verrebbe subito segnalata al paziente, con una dieta specifica ipoglicemica.

Per il resto un consumo nelle giuste quantità può apportare buone concentrazioni di vitamine A e C, minerali quali potassio, calcio, ferro e molti altri con effetti benefici per la diuresi, la digestione, l'ipertensività, oltre a fornire energie naturali in un periodo della vita in cui si lavora letteralmente “per due”.



COMMENTI SULL' ARTICOLO