Borgognona o Borgognotta

I vini della Borgogna

I vini della Borgogna sono tra i più nobili e reputati del mondo, e la regione ha dato origini ad alcune delle uve più apprezzate ed aristocratiche che si conoscano come lo Chardonnay e i Pinot, in particolare i Pinot Noir. Oltre ad un livello qualitativo superiore, i vini della Borgogna sono conosciuti per la loro grande capacita di invecchiamento, soprattutto in botte nel periodo giovanile, utilizzato negli ultimi decenni non solo per i grandi rossi del Pinot Noir, ma anche per i delicati e floreali Chardonnay.

Il Pinot Noir in particolare è un'uva che fornisce dei vini dalla struttura delicata, non pesante, poco soggetta alle precipitazioni acide e non spiccatamente tannica. Viene infatti largamente usato anche dalla spumantistica nella vinificazione in bianco. Ne risultano così grandi vini dagli intesi profumi fruttati e maturi, accompagnati dagli aromi vegetali e altresì animali nei grandi invecchiati, senza per questo però essere marcati nel corpo e nella struttura, che rimangono leggeri rispetto ad esempio alle altre uve bordolesi come il Cabernet Sauvignon e il Merlot, in gradi anche di caricare il vino di tannini e corpo.

Borgognona o Borgognotta

POLTIGLIA BORDOLESE MANICA KG.1

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,7€


La Borgognona

differenza tra <em>borgognona</em> e bordolese La Borgognona è la bottiglia studiata appositamente per i vini della regione che abbiamo descritto nel primo paragrafo. Essa appare dunque differente dalla bottiglia Bordolese, in quanto non deve assolvere quelle funzioni caratteristiche che questi vini esigono, ovvero trattenere le grandi quantità di depositi che le uve di Bordeaux producono nel vino. Come detto infatti, il Pinot Noir, l'uva con cui principalmente si produce il vino di Borgogna, ha elevate capacita di invecchiamento in botte e una struttura tannica inferiori, con una produzione di depositi altrettanto inferiore a quelli di altre uve dal corpo più marcato. Se a questo aggiungiamo la grande capacita di invecchiamento in botte, se ne deduce anche che la maggior parte dei depositi prodotti, resta nel fondo della botte nel momento in cui il vino viene tirato per essere imbottigliato. Di conseguenza i depositi non si formano generalmente nella bottiglia, ma nella botte, dove rimangono una volta svuotata per l'imbottigliamento.

La bottiglia Borgognona quindi non deve avere la caratteristica primaria di trattenere i depositi, e questo si traduce in una forma più snella e semplice da realizzare, anche con un risparmio economico.

Essa ha quindi un fondo con un incavo conico meno pronunciato, in quanto non deve, come nella Bordolese, concentrare e agglomerare i depositi tra cono e bordo del fondo in modo da bloccarli.

Altra caratteristica della Borgognona sono le spalle, molto meno pronunciate e molto scese, che non devono anch'esse bloccare i depositi. Anche il colore, generalmente rosso, è studiato in considerazione delle diverse concentrazioni e precipitazioni acide di questi vini. La seconda foto fa riferimento alla differenza tra i due tipi di bottiglia.


  • L'assaggio La degustazione è per il vino il momento della verità, il punto della rivelazione di un processo durato mesi, e spesso anni nei vini più pregiati. È il momento che ogni produttore e coltivatore aspett...
  • Una degustazione La degustazione è il banco di prova del vino, il test finale che giudica un anno di duro lavoro in vigna e spesso molti mesi, se non anni, in cantina. Anche se il produttore sa già come è il suo vino,...
  • I diversi bicchieri Come già abbiamo evidenziato approfonditamente, il vino nasce nella vigna e muore al momento del consumo. Ogni passo, dalla coltivazione, alla vinificazione e la conservazione, è decisivo per una perf...
  • Il cestello La figura del sommelier, se in ristoranti cosiddetti “normali” può essere considerata chiaramente superflua, là dove non vi sia una vendita di vini pregiati, risulta essenziale invece in quei luoghi d...

Iittala Essence Bicchiere di vino bianco (coppia)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34,2€


Borgognona o Borgognotta: L'Albeisa

La variante italiana della Borgognona è la bottiglia Albeisa, nata ad Alba in Piemonte, per ospitare i grandi Barolo. Anche in questo caso ci troviamo di fronte a grandi vini da invecchiamento in botte, che vedono i loro depositi restare nel legno quando si effettua il tiraggio per l'imbottigliamento. Anche i questo caso i vini non creano molti depositi in bottiglia, e quindi essa non deve avere la funzione di trattenerli. Pressoché identica alla sua sorella francese, la bottiglia Albeisa reca scritto il suo nome in rilievo alla base del collo.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO