Colline Bolognesi

La zona vinicola

La produzione del Colli Bolognesi DOC si svolge sulle colline a sud del capoluogo regionale, in un paesaggio di affioramenti rocciosi, spesso dai colori diversi, che compongono la complessa ossatura geologica di questo territorio collinare.

Le rocce delle colline bolognesi sono formate da calcari, marne bianche e arenarie su cui poggiano le argille, con agglomerati di gesso solo nelle vicinanze del capoluogo.

Il panorama delle Colline Bolognesi

Set di 3 bandanas paisley in cotone, modello cachemire, fucsia, rosa e parma

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,99€


I vitigni

La mappaI vitigni utilizzati sono il Sauvignon, il Pignoletto, lo Chardonnay, il Trebbiano Romagnolo, l'Albana, il Riesling Italico, il Pinot Bianco.


  • I Colli di Parma La produzione del Colli di Parma si svolge sulle colline pedemontane ai margini della pianura Padana, formata dall'orogenesi sedimentaria e alluvionale dell'Emilia. I terreni sono stratificati in va...
  • I vigneti sui Colli Piacentini La produzione del Colli Piacentini DOC avviene un una porzione del territorio della provincia di Piacenza.Il territorio non è omogeneo perché composto da numerose vallate parallele, con differenze d...
  • Il panorama La produzione del Ortrugo DOC viene effettuata sui Colli Piacentini, in una parte di territorio della provincia di Piacenza.Il territorio è molto vario, geologicamente non omogeneo, composto da nume...
  • Un panorama del Cesenate L'area di produzione del Pagadebit di Romagna appartiene alla provincia di Ravenna e quella di Forlì-Cesena, sui terreni a ridosso delle colline che anticipano l'Appennino Tosco-Emiliano nella parte m...

La Fattoria di Parma - Bauletto di Parma: magro di culatello kg. 2,4 - parmigiano reggiano kg. 1,2 - strolghino di culatello gr. 200 - bianco di culatello gr. 200 - malvasia colli di parma 1 bott. - buletto in legno antichizzato8Kg

Prezzo: in offerta su Amazon a: 189€


Il Colli Bolognesi DOC bianco

La denominazione di origine controllata Colli Bolognesi nasce il 12 agosto 1985 per autorizzare la produzione di vini bianchi e rossi, anche frizzanti e spumanti, nelle coline in provincia di Bologna e in parte in provincia di Modena.

La base ampelografica del bianco generico è composta dall'Albana dal 60 all’80% e dal Trebbiano romagnolo dal 20 al 40%.

Sono previste le tipologie monovarietali Chardonnay, Pinot Bianco, Riesling, Sauvignon e Pignoletto dove la percentuale del vitigno corrispondente deve essere di minimo l'85% dell'assemblaggio a cui possono concorrere gli altri vitigni, non aromatici, autorizzati per le province di Modena e di Bologna, da soli o congiuntamente sino ad un massimo del 15%.

La resa massima dell'uva deve essere per il Sauvignon, il Riesling italico, il Pignoletto e lo Chardonnay di 12,00 tonnellate per ettaro; per il Pinot bianco di 11,00 tonnellate e per il Bianco di 13,00 tonnellate per ettaro.

Il Colli Bolognesi Sauvignon e Pignoletto con un titolo alcolometrico volumico totale minimo di 12,00% vol. possono essere qualificati con la menzione superiore. Il Colli Bolognesi può essere anche nelle tipologie tranquillo/vivace e frizzante.

È prevista la tipologia Spumante per lo Chardonnay, il Pinot Bianco e il Pignoletto.


I vini

Il Colli Bolognesi Sauvignon, anche frizzante, ha colore giallo paglierino con profumo lievemente aromatico e sapore che può essere secco o abboccato, strutturato per il tranquillo e fresco e vivace per il frizzante. Nel Colli Bolognesi Sauvignon Superiore il profumo è aromatico con sapore secco e fine.

Il Colli Bolognesi Riesling italico, anche frizzante è di colore giallo paglierino con profumo delicato e sapore variabile da secco a leggermente abboccato, nel tranquillo, e fresco e vivace nel frizzante.

Nel Colli Bolognesi Pignoletto, anche frizzante, il colore è giallo paglierino chiaro a volte con riflessi verdognoli, con profumo delicato nel tranquillo, lievemente aromatico per il frizzante. Il sapore è secco o lievemente abboccato nel tranquillo, più fresco e vivace nel frizzante.

Il Pignoletto spumante ha spuma vivace, fine e persistente, con colore giallo paglierino chiaro. Il profumo è leggermente aromatico e il sapore secco o amabile.

Il Colli Bolognesi Pignoletto superiore ha colore giallo paglierino chiaro con riflessi verdognoli, con profumo delicato, e sapore secco e fine.

Il Pinot bianco, anche frizzante, è di colore giallo paglierino, a volte con riflessi verdognoli e profumo delicato. Il sapore si presenta secco o abboccato nel tranquillo, fresco e vivace nel frizzante.

Il Pinot bianco spumante ha spuma vivace, fine e persistente, con colore giallo paglierino chiaro.

Al profumo è delicatamente aromatico, con sapore secco o amabile.

Il Colli Bolognesi Chardonnay, anche frizzante si presenta con colore giallo paglierino. Il profumo è delicato e fruttato. Il sapore è secco o abboccato, frizzante e fresco.

Lo Chardonnay spumante ha spuma vivace, fine e persistente, con le stesse caratteristiche del precedente.

Il Colli Bolognesi bianco, anche frizzante, ha colore giallo paglierino con profumo vinoso. Il sapore è secco o abboccato, sapido, armonico per il tranquillo e fresco e gradevolmente frizzante il tipo specifico.


Colline Bolognesi: Le sottozone

Sono disciplinate anche le sottozone Colline di Riosto, Colline Marconiane, Zola Pedrosa, Colline di Oliveto, Terre di Montebudello, Serravalle e Monte San Pietro.

Il Colline di Riosto comprende la parte del territorio del comune di Pianoro in provincia di Bologna, e può essere vinificato nelle tipologie Colli Bolognesi Colline di Riosto Sauvignon, con il Sauvignon al 100% e Colli Bolognesi Colline di Riosto Pignoletto anche frizzante, con il Pignoletto minimo al 90% dell'assemblaggio a cui possono concorrere gli altri vitigni non aromatici, autorizzati per la provincia di Bologna, per un massimo del 10%.

Le rese devono scendere a 9,00 tonnellate per ettaro.

La sottozona Colline Marconiane comprende in parte il territorio del comune di Sasso Marconi e parte di quello Casalecchio di Reno, in provincia di Bologna.

Le tipologie autorizzate sono il Colli Bolognesi Pignoletto Colline Marconiane e il Colli Bolognesi Sauvignon Colline Marconiane con il vitigno corrispondente che deve essere minimo del 85%.

Possono concorrere anche altri vitigni a bacca bianca in misura non superiore al 15%.

Inoltre è autorizzata la tipologia Pignoletto Spumante Colline Marconiane, sempre con il vitigno al 85% minimo nell'assemblaggio a cui può concorrere anche il Pinot nero nella misura massima del 15%. Le rese variano tra le 7 e le 10 tonnellate per ettaro.

La sottozona Zola Pedrosa comprende la parte collinare dell'omonimo comune in provincia di Bologna. Le tipologie monovarietali sono lo Chardonnay, Sauvignon e Pignoletto.

La sottozona Monte San Pietro, dell'omonimo comune, si produce nelle tipologie Sauvignon, Pignoletto e Pinot Bianco.

Il Colline di Oliveto,/em> comprende in parte i comuni di Monteveglio e Crespellano, in provincia di Bologna.

Il Terre di Montebudello comprende parzialmente icomuni di Monteveglio e Bazzano

in provincia di Bologna e parte del comune di Savignano sul Panaro, in provincia di Modena.

Infine il Serravalle nei comuni di Castello di Serravalle e Monteveglio, in provincia di Bologna.



COMMENTI SULL' ARTICOLO