Piculit Nero

La varietà

Il Piculìt Neri è un vitigno a bacca rossa autoctono friulano, antichissimo e spesso dimenticato, la cui coltivazione risale a molti secoli or sono, in particolare nell'area collinare di Valeriano, Pinzano al Tagliamento e Castelnuovo del Friuli.

Più comunemente chiamato Piculit Nero, questa varietà di vite prende il nome Piculit per la caratteristica di avere bacche dalle dimensioni molto ridotte, così come quelle dei grappoli.

Qui i terreni sono di tipo sassoso, con forte presenza di argilla. Il vitigno viene allevato con il sistema del cordone speronato e vendemmiato in generalmente a mano verso i primi di ottobre.

Il vitigno si presenta con grappoli e bacche di dimensioni piccole e forma cilindrica, abbastanza compatta, e in alcuni casi alata, per quel che riguarda i grappoli, mentre per gli acini si possono avere anche dimensioni medie, sempre a forma sferica, con buone concentrazioni di pruina sulle bucce spesse e blu. Il Picolit Neri è un vitigno del tutto sconosciuto nell'enologia moderna, riscoperto grazie alla passione dei viticoltori locali, in particolare di Emilio Bulfon, che ama risoprire i sapori della sua terra, come nel caso anche dell'Ucelut e della Forgiarin.

Il vitigno è comunque da associare ai Refosco, e le prime notizie della sua coltivazione sono piuttosto recenti, nonostante un allevamento più che secolare.

Picolit Nero

Refosco Dal Peduncolo Rosso IGT Veneto - cl. 75 - Linea Tipici - Ornella Bellia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 5,43€


I vini del Picolit Neri

Il Picoli Neri viene vinificato per lo più in purezza con vinificazioni in acciaio, seguendo una macerazione di circa dieci giorni prima della pressatura. La vinificazione si effettua generalmente in acciaio a 27° C, per dar luogo a acciaio a vini da affinare in legno.

Produce bei vini rubino intenso, che portano in dote buoni aromi fruttati di bosco, con prugne cotte e marasche in evidenza cesellate su buone speziature e fondi di sottobosco. Il palato è in genere morbido, amabile e mai particolarmente secco. Nel complesso ne risultano vini godibili e di discreta fattura, particolarmente adatti per le carni rosse arrosto e per il maiale, ma anche con la selvaggina. I vini portano in dote anche una buona acidità che ne permette un discreto affinamento. Buona anche la gradazione alcolica, con vini discretamente strutturati con un corpo medio fatto di buona sostanza. La temperatura di servizio ideale è di 18° C.


  • concimazione primaverile La vite si nutre, come qualsiasi altra pianta, attraverso i sali minerali e gli elementi organici presenti nel terreno ed assorbiti tramite le radici, l'organo della pianta preposto all'assimilazione ...
  • Il Sauvignon Il Sauvignon Blanc, chiamato sempre semplicemente Sauvignon, è una delle grandi nobili uve bianche, riconosciuta in tutto il mondo come tra le migliori in assoluto insieme ai vari Chardonnay, Riesling...
  • Schioppettino Lo Schioppettino è una varietà autoctona rossa del Friuli, forse nativa della zona tra Prepotto e la Slovenia, a ridosso del confine nazionale. Se ne ha una prima testimonianza in un documento del 12...
  • Corvina Veronese La Corvina Veronese è il grande vitigno rosso dell'Amarone e della Valpolicella, coltivato in tutto la provincia di Verona e sulle colline lombarde del lago di Garda. È chiaramente tra le uve più impo...

Direzione (Bonus Track) [Explicit]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1,29€


Piculit Nero: I produttori

I produttori che si impegnano nella vinificazione del Picult Neri sono esclusivamente locali e la loro produzione è offuscata dai grandi vitigni autoctoni friulani come lo Schippettino. Tra i più impegnati il già citato Emilio Bulfon, con il suo Piculit Neri che presenta buone caratteristiche simili al Refosco, ma con produzioni più morbide, amabili, e certamente non al livello del suo parente.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO