Champagne Beaufort

L'azienda

La Beaufort è una giovane azienda fondata negli anni sessanta che nel 1969 ha avuto l'ambizione di produrre i suoi vini in bio. L'iniziativa sembra sia nata a causa di un'allergia a molti prodotti sintetici del suo proprietario, che decise così, tra i primi nella Champagne, a dedicarsi a un nuovo tipo di coltivazione che fosse più naturale e compatibile con l'ambiente e la salute.

L'azienda possiede sei ettari e mezzo classificati grand cru, ad Ambonnay e Polisy, dove si utilizzano solo composti vegetali ed animali al posto dei fungicidi. Addirittura si vanta di utilizzare trattamenti omeopatici per le piante ricorrendo anche all'aromaterapia.

I risultati sono molto buoni per Jacques Beaufort e gli amanti del biologico, anche se le grandi marche, con la loro immensa qualità, lasciano poco spazio a queste piccole realtà che vogliono emergere con un concetto di coltivazione completamente diverso. Comunque anche le altre aziende, soprattutto grazie alla spinta dei consumatori europei che spingono verso prodotti piu naturali, iniziano a comprendere l'importanza di determinate scelte, e lentamente si stanno adeguando applicando sempre più le nuove tendenze.

la cantina di Beaufort

Herbert Beaufort Champagne Grand Cru Tradition Carte D'Or

Prezzo: in offerta su Amazon a: 40,99€


I vini

la sede La Beaufort, nonostante le ridotte dimensioni dei suoi vigneti, produce comunque una gamma ricca e varia, con brut e demi-sec anche millesimati e alcuni grand cru. Altra particolarità, è una delle poche maison a produrre uno champagne dolce.

Il Brut non millesimato classico è ad esempio un bel vino con dei toni aranciati. Al naso esprime con forza sentori di mela cotta, fichi e pane speziato. Al palato esprime potenza e vinosità, da accompagnare a formaggi molli o bigne all'arancia.

I grand cru sono di un colore oro intenso, con profumi di confettura in cui spiccano gli agrumi e le albicocche. Si consiglia di accompagnarli ai frutti di mare.

Di questa tipologia sono disponibili le annate fino al 1996, come per i brut classici, mentre per il demi-sec abbiamo il 2004 e il 1996. la limitata produzione purtroppo non offre, a dispetto del'ampia gamma, una grande disponibilità di bottiglie, non è quindi facile reperirlo al di fuori della Francia.

Anche le collezioni, ancora piu rare, non sono facilmente reperibili al di qua delle Alpi, ma si possono ottenere le annate fino al 1986 per i brut e fino al 1988 per le altre tipologie.


  • tappo che scoppia Ci sono bottiglie diverse da tutte le altre, in maniera profonda e completa; bottiglie che più che un vino contengono un modo di essere, un’icona, una tradizione. Ci sono vini e vini, spumanti e spuma...
  • Dom Perignon Se siete appassionati di champagne e, in generale, di enologia, vi si drizzeranno le orecchie all’ascolto di questi anni: 1985, 1988, 1988, 1990 e 1995. Non stiamo dando i numeri, ma semplicemente par...
  • brindisi champagne Lo Champagne, nonostante sia considerato un vino esclusivo e molto costoso, viene utilizzato non così raramente in diverse ricette. Si tratta di ricette non da tutti i giorni, che hanno qualcosa di sp...
  • vini Nei precedenti articoli si è trattato il tema degli abbinamenti tra vini e cibo. A questo punto può essere utile fare un riassunto. Il principio di base che si deve sempre tenere a mente è che i piatt...

Francois et Mimi stainless steel bar set di strumenti, incluso secchiello per il ghiaccio, refrigeratore per vino, shaker per cocktail e vassoio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 71,98€
(Risparmi 1,23€)


Champagne Beaufort: Riconoscimenti

Jacques Beaufort ha comunque visto riconoscere il suo lavoro in varie competizioni, e al concorso Amphore 2000 è riuscito a conquistare la medaglia d'oro e quella d'argento.

Ottime anche le recensioni delle riveste più attente alle problematiche ambientali e non, con numerosi articoli dedicati a questa piccola realtà.



COMMENTI SULL' ARTICOLO